Dalla Regione Lazio più diritti per i ‘riders’

Dalla Regione Lazio più diritti per i ‘riders’

Ancora una volta la Regione Lazio si pone all’avanguardia nella tutela dei diritti e lo fa guardando al futuro, in un settore quello della Gig economy, tra cui i più famosi sono i cosiddetti riders, in forte crescita non solo nel nostro Paese.

Con l’approvazione della legge che regolamenta e tutela quella categoria di lavoratori che operano tramite piattaforme digitali la Regione Lazio, prima ancora delle altre Regioni e del Governo stesso che ne aveva fatto un punto qualificante del proprio programma, dà una risposta concreta a un settore in rapida espansione e che sin dall’inizio ha faticato a trovare una sua collocazione anche normativa.

A questi lavoratori tra l’altro si riconosce la tutela sulla salute e la sicurezza, la tutela assistenziale e previdenziale e si riconosce il diritto a un equo compenso.

Oggi abbiamo aumentato i diritti di molti lavoratori che si sentono di serie B, era un impegno che la Giunta Zingaretti si era preso subito dopo l’insediamento e che viene mantenuto grazie al grande lavoro di ascolto dell’assessore Claudio Di Berardino che ha recepito anche le istanze e i suggerimenti scaturiti dal dibattito in Consiglio regionale.”

Lascia un commento