Valorizzazione dei luoghi della cultura del Lazio

Con la seconda edizione dell’avviso pubblico per la valorizzazione dei luoghi della cultura del Lazio sono stati ammessi a finanziamento da parte della Regione 48 progetti tra musei, archivi storici, biblioteche, aree, parchi archeologici e complessi monumentali del Lazio, di cui 7 nella provincia di Rieti.

La Regione continua a credere nella cultura come mezzo di crescita e di sviluppo dei territori e lo fa concretamente investendo sui luoghi dove le nostre tradizioni, la nostra conoscenza, la nostra storia è conservata e tramandata.

L’Avviso permetterà ai beneficiari di usufruire di un contributo fino a 300 mila euro per sostenere il recupero strutturale dei luoghi e il miglioramento del livello di fruizione e accessibilità anche digitale del patrimonio.

Quest’anno con uno stanziamento di 5,2 milioni di euro saranno finanziati i primi 21 mentre i restanti 27 aceteranno ai fondi l’anno prossimo.

Quest’anno in provincia di Rieti saranno finanziati i seguenti progetti:

  • Comune di Amatrice – Delocalizzazione della Sezione Archeologica del Museo Civico “Cola Filotesio” presso l’edificio sito in frazione Torrita di Amatrice;
  • Comunità Montana “Salto Cicolano” Corvaro di Borgorose – Valorizzazione del Museo Archeologico del Cicolano (MAC);
  • Comune di Castelnuovo di Farfa – Progetto di riqualificazione del Museo dell’Olio della Sabina;
  • Comune di Collalto Sabino – Manutenzione impianti, servizi igienici e allestimento della Biblioteca Comunale.

Il prossimo anno invece i restanti 3;

  • Comune di Configni – Progetto per la sede Archivio Storico Comunale;
  • Comune di Poggio Mirteto – Museo delle Bande Musicali MUBAM – Fruizioni delle collezioni da parte dei visitatori con deficit sensoriali; interventi di allestimento e arredo di spazi di accoglienza (bookshop, biglietteria, caffetteria, etc.); interventi nuove tecnologie ( proiezioni 3D, audio-video guide, etc.);
  • Comune di Fara in Sabina – Museo Civico Archeologico: allestimento della Tomba XI della necropoli di Colle del Forno pertinente alla città sabina arcaica di Eretum, attraverso l’utilizzo di tecnologie digitali.

Lascia un commento