A Magliano in Sabina attiva la Mineralometria Ossea Computerizzata

A Magliano in Sabina attiva la Mineralometria Ossea Computerizzata

Con la donazione da parte dell’Alcli Giorgio e Silvia del macchinario per la MOC prosegue l’azione di potenziamento della Casa della Salute di Magliano in Sabina e quindi dell’intera offerta sanitaria nella nostra provincia.

Nella struttura reatina come annunciato da oggi è attiva la MOC, la Mineralometria Ossea Computerizzata, un esame per misurare la quantità di calcio presente nelle ossa che serve a determinare se la mineralizzazione si è ridotta e se è già comparsa l’osteoporosi.

Questo grande atto di generosità dell’Alcli Giorgio e Silvia è una splendida dimostrazione di come la collaborazione con le realtà più attive e propositive del territorio possa portare ottimi frutti.

Con la MOC la struttura di Magliano si dota di uno strumento in grado di offrire un servizio importante non solo per l’utenza più prossima, quindi in grado di limitare la mobilità passiva e anzi attrarre pazienti da fuori provincia e addirittura regione, ma che soprattutto si innesta perfettamente nel progetto di rafforzamento della rete ospedaliera provinciale che la Asl e la Regione hanno pensato per il territorio reatino dando a Magliano un ruolo centrale.

Un rafforzamento della sanità territoriale pensato e programmato negli anni scorsi con la decisione di costruire il nuovo ospedale nel capoluogo insieme alla ricostruzione di quello di Amatrice cui si accompagna la costituzione e il rilancio dei presidi nelle altre zone della provincia, come Magliano appunto: scelte che la pandemia che stiamo affrontando ci ha dimostrato essere la via maestra da seguire per avere servizi sanitari efficienti e rispondenti alle necessità e ai bisogni dei cittadini.

Lascia un commento