La ricostruzione delle zone colpite dal Sisma nuovamente nell’agenda di Governo

La ricostruzione delle zone colpite dal Sisma nuovamente nell’agenda di Governo

Finalmente la ricostruzione delle zone colpite dal Sisma torna questione centrale e prioritaria dell’agenda della politica nazionale.

Dopo che con il precedente governo gialloverde per 14 mesi la questione è stata dimenticata, forse volutamente o forse per disinteresse o magari per incapacità di trovare soluzioni a problemi complessi e articolati, oggi finalmente la ricostruzione e il rilancio delle zone distrutte dal terremoto del 2016 torna attuale e centrale nell’azione di Governo.

Con il decreto Sisma approvato ieri in Consiglio dei Ministri finalmente si tornano a mettere in campo azioni per dare nuovo impulso alla ricostruzione sia pubblica che privata e soprattutto per rafforzare un tessuto socio-economico sfibrato ed esausto.

Il Governo ha accolto molte delle richieste provenienti dalla popolazione grazie a una fase di ascolto sia politico che tecnico in sinergia con tutti gli attori istituzionali.

E’ stata dimezzata la restituzione, che potrà essere effettuata in dieci anni, della ‘busta paga pesante’ ridotta del 60 per cento, sono state varate misure anti spopolamento con l’estensione della misura ‘Resto al Sud’ con agevolazioni e incentivi ai giovani imprenditori che decidono di realizzare nuovi insediamenti nelle zone del cratere, è stata decisa l’accelerazione per le pratiche di risarcimento e l’anticipazione diretta del 50% degli onorari ai professionisti, a testimonianza della fiducia riposta e del riconoscimento del loro ruolo, e per i Comuni è stata decisa la proroga di alcune misure di agevolazione per i bilanci degli enti interessati.

Ulteriori miglioramenti e correzioni potranno essere apportati in aula in fase di dibattimento, è però necessario mettere da parte divisioni e rimboccarci le maniche per il bene di quei territori e di quelle comunità.

Per maggiori informazioni: http://www.governo.it/it/articolo/comunicato-stampa-del-consiglio-dei-ministri-n-10/13103

Vedi anche: https://fabiorefrigeri.it/ricostruzione-trasparenza/

Lascia un commento