La Regione Lazio al fianco di cinema, teatri e librerie indipendenti

La Regione Lazio al fianco di cinema, teatri e librerie indipendenti

Il 6 dicembre, presso la Sala Tevere della Regione Lazio, è stato presentato un nuovo bando che metterà a disposizione 3 milioni di euro per teatri, cinema e, per la prima volta, anche librerie indipendenti.

Si tratta di un impegno concreto che la Regione Lazio mette in campo, utilizzando fondi europei, per garantire investimenti volti alla competitività e all’innovazione di piccole e medie imprese che non solo garantiscono posti di lavoro, ma costituiscono anche dei veri e propri presìdi culturali che incidono sulla qualità della vita delle comunità nelle quali operano.

I fondi, che verranno equamente suddivisi tra cinema, teatri e librerie indipendenti, potranno essere impiegati sia per la digitalizzazione delle imprese (ad esempio computer o software gestionali) che per aumentare l’efficienza energetica, con un doppio impatto sui costi aziendali e sull’ambiente.

Il finanziamento può arrivare sino all’80% dell’investimento, con contributi che non possono superare i 100.000 euro per ogni singolo progetto.

In particolare si è posta per la prima volta attenzione alle librerie indipendenti, individuate con i seguenti requisiti: fatturato non superiore ai due milioni di euro, massimo due punti vendita, fatturato da vendita dei libri nuovi che sia almeno il 60% del totale (percentuale che scende al 50% nel caso delle librerie site al di fuori di Roma Capitale).

Accogliendo le indicazioni delle associazioni di categoria, tra i costi ammissibili sono stati inseriti anche quelli del personale a forfait, per una percentuale pari al 10%, e i cosiddetti costi indiretti per spese generali (5% delle spese da rendicontare per la digitalizzazione, 1% per  l’efficienza energetica).

Per partecipare al bando occorre compilare il formulario su htpps://gecoweb.lazioinnova.it (apertura prevista l’8 gennaio 2020) e inviare tramite PEC la domanda a partire dal 15 gennaio 2020 (chiusura prevista il 27 febbraio, ma anticipata se i progetti presentati superano o 15 milioni di euro).

Gli uffici della Regione e di Lazio Innova sono disponibili per ogni chiarimento e saranno organizzate, a cura delle associazioni di categoria, delle giornate di lavoro per fornire ulteriori strumenti utili alla presentazione di un progetto.

Con questo ulteriore passo la Regione Lazio rinnova l’impegno di questi anni accanto alle piccole e medie imprese, ma contribuisce anche alla promozione di un modello di città e di convivenza nel quale cultura, scambio e incontro rivestano un ruolo centrale.

Lascia un commento